LA NOSTRA MISSION

Guidarti in sicurezza in un itinerario studiato per emozionare, dotandoti del mezzo adatto a farti godere al meglio l’esperienza della MTB (sia muscolare che elettrica).

LA NOSTRA VISION

Noi pensiamo che con la MTB sia possibile veramente immergersi nella bellezza della montagna e con la giusta “lentezza” percorrendo tour che resteranno indelebili nella memoria. Oggi, con le E-MTB, questa esperienza è più che mai accessibile a chiunque ami fare vacanza attiva ma non abbia tempo durante l’anno di allenarsi in modo intenso. Abbiamo giocato con le parole e ne è uscito un gioco di parole che ci è piaciuto sin da subito: è diventato il nostro Brand!

divider-line-green

GIRO DEI
DUE PANORAMI

divider-line-green

Info tecniche
> Escursione facile di mezza giornata in E-MTB

> Percorso di circa 15 km, adatto a tutti

> Itinerario molto panoramico, che dalle sponde del Lago di Garda ci porta alla località Crero situata a circa 200m di quota. Da qui si proseguirà poi verso Albisano per raggiungere il belvedere a quota 300m attraverso la forestale sterrata “del Pellegrino”.

PRENOTA

Crero e Albisano in E-MTB

Dallo scenario di un fiordo all’aspetto del mare: ammirare la varietà del Lago di Garda percorrendo la via del Pellegrino fra Crero e Albisano immersi nella natura in sella alle E-MTB.

Il Lago di Garda incanta con la sua varietà di scenari, ed in alcuni casi basta sapere dove andare per passare in pochi minuti da una spiaggia assolata ad un belvedere montano. In questo itinerario scopriremo addirittura due luoghi altamente panoramici che non sembrano neppure essere così vicini: quello verso nord, dove il lago ci rammenta un fiordo, e quello verso sud, dove è indistinguibile la differenza tra il nostro lago ed un paesaggio di mare.

Partendo dalle sponde del Lago di Garda ci porteremo, risalendo agevolmente antiche mulattiere grazie alle E-MTB Focus Jam2 Plus LTD, alla località Crero situata a circa 200m di quota. Da qui si proseguirà poi verso Albisano per raggiungere il belvedere a quota 300m attraverso la forestale sterrata “del Pellegrino”, immersa nella natura della fascia climatica mediterranea del Monte Baldo.

Perdersi nei panorami, e non solo

Appena abbandonato Crero, immancabile la deviazione a piedi all’area delle incisioni rupestri che sono osservabili su alcuni liscioni, le rocce tipiche del Monte Baldo, levigate in superficie dall’azione del ghiacciaio e dell’acqua, che nei secoli sono state utilizzate come delle vere e proprie “lavagne” a cielo aperto. Durante questo itinerario, in pochi km il panorama spazierà prima a nord, sull’alto lago, fino a vedere Malcesine, Riva del Garda e Torbole, Limone nelle giornate più limpide, e poi a sud, sul medio e basso lago, con Torri del Benaco ai nostri piedi e sulla sponda bresciana Toscolano Maderno, Salò, Manerba, Sirmione. Se saremo fortunati, sullo sfondo arriveremo persino a vedere il profilo degli Appennini.

Abbiamo sempre un piano B… B come “bello”!

La via del rientro non sarà obbligata, ci piace pensare che sarete talmente rapiti dal panorama e dalla sensazione di libertà che questo giro regala (e dalla bibita dissetante che ci concederemo…) da non voler lasciare frettolosamente il belvedere di Albisano. E quindi decideremo insieme se prolungare l’escursione verso l’entroterra, magari per ammirare la chiesa di Marciaga al tramonto, oppure scendere a Garda e rientrare sempre percorrendo le antiche vie di comunicazione del Lago di Garda, sospese a picco sulla costa.

Sei curioso di scoprire quale “bibita dissetante” sia la più gettonata di questo giro?arrow-link

2panorami_slide10
2panorami_slide09
2panorami_slide08
2panorami_slide07
2panorami_slide06
2panorami_slide05
2panorami_slide04
2panorami_slide03
2panorami_slide02
2panorami_slide01

IL BATTESIMO
DEL TRAIL

divider-line-green

Info tecniche
> Escursione facile di mezza giornata in E-MTB

> Percorso di circa 4 km, adatto a tutti

PRENOTA

Dal Porto di Pai a Ca’ Tronconi

Escursione in E-MTB di mezza giornata dedicata ai principianti che vogliano provare una Full a pedalata assistita.

Itinerario molto panoramico, che dalle sponde del Lago di Garda ci porta alla località Cà Tronconi a circa 160m di quota attraverso una ripida salita sulla quale impareremo a sfruttare a dovere la tecnologia delle E-MTB. Da qui si proseguirà verso Pai di Sopra per scendere nuovamente al porto.

Non sarà solo il panorama a tenerti impegnato, ma anche un breve tratto di mulattiera sconnessa, che non avrai problemi a percorrere grazie all’assistenza del motore elettrico ed alle sospensioni della bici.

Percorso di 4km su fondo misto asfalto e sterrato, discesa su splendido viottolo selciato che si snoda fra le case del borgo di Pai.

battesimotrail_slide01
battesimotrail_slide02
battesimotrail_slide03
battesimotrail_slide04
battesimotrail_slide05
battesimotrail_slide06
battesimotrail_slide07
battesimotrail_slide08

IL GIRO DELLE DUE
BAIE IN E-MTB

divider-line-green

Info tecniche
> Escursione in E-MTB di mezza giornata, ideale al tramonto

> Percorso di circa 23KM e 500m D+ per rider di vario livello (sono presenti varianti per qualsiasi tipologia di rider)

> Itinerario da affrontare con un buon livello di allenamento, prevede circa 500 metri di dislivello in poco più di 20km. Da Garda si percorre la Val dei Mulini e la Val Longa, si scollina verso Albisano per salire sul Monte Luppia. Per raggiungere i punti più panoramici sarà necessario percorrere un sentiero che i meno esperti dovranno affrontare con la bici a mano, ma la ricompensa del panorama (e della foto ricordo) sarà grande. I rider più esperti saranno invece deliziati da passaggi tecnici su radici e rocce, e belle curve con sponda naturale. Insomma, un itinerario per tutti i gusti che non può che lasciarvi a bocca aperta!

PRENOTA

Garda, Monte Luppia, Punta San Vigilio

In E-MTB sul Monte Luppia, a picco sul Golfo di Garda, Baia delle Sirene e Punta San Vigilio.

L’origine del toponimo Garda viene indicato nell’evoluzione della voce germanica warda, ovvero “luogo di guardia” o “luogo di osservazione”. La zona sud del lago è fondamentalmente pianeggiante, ma risalendo verso nord, subito dopo Bardolino, tutto cambia: ed ecco spiegato il perché di questo nome.
La Rocca ed il monte Luppia sovrastano la città di Garda e l’omonimo golfo termina con la spettacolare Punta San Vigilio che abbraccia poi a sua volta la Baia delle Sirene.

Proprio dalla città di Garda partiremo quindi, per andare ad ammirare alcuni di questi luoghi di “osservazione” che sono alcuni dei punti più panoramici del lago e dove il tempo potrebbe passare velocemente sino a sera, quando solo il calare della notte ci costringerà a rientrare. In realtà neppure l’oscurità sarebbe un valido motivo, poiché questo itinerario, affrontato nelle più belle serate estive, può trasformarsi nell’avventura di una “notturna” a caccia di stelle cadenti o della luna piena che si specchia nel lago.

La mia prima volta

Fra i miei ricordi di giovane esploratore in MTB del territorio lacustre, è vivo ed indelebile quello della prima volta sul Monte Luppia. Questo sperone di roccia sovrasta Garda a nord, e si tuffa nel lago non prima di aver dato origine a Punta San Vigilio, il promontorio che abbraccia la Baia delle Sirene. L’ho percorso al mio debutto quasi tutto camminando con la bici a fianco, sia quando la salita da Albisano mi tranciò le gambe – che quel giorno già avevano qualche centinaio di metri di dislivello ad affaticarle – sia in discesa, dato che il single trail che ne percorre il margine sud è quasi sempre a picco sul lago: troppa emozione per un biker all’epoca ancora molto insicuro ed inesperto. Cosa bizzarra però, è che su questo monte quel giorno lontano ho camminato anche nei tratti pianeggianti!

Sospesi sulle due baie

Il perché è presto detto, e forse lo potete capire guardando alcune delle mie foto: il Monte Luppia è lo spartiacque fra basso ed alto lago (quello che io chiamo “il fiordo”) e si affaccia sulle due baie, o meglio sul golfo di Garda e su Baia delle Sirene. Nel mezzo, come se già i panorami citati non bastassero a rinfrancare lo spirito che senta la fatica delle membra, l’affaccio su Punta San Vigilio in corrispondenza di un piccolo spiazzo fra due cipressi: pura poesia, le cui parole si perdono nel silenzio che questo luogo genera in chiunque vi si avventuri. Difficile tornare in sella per allontanarsi frettolosamente da qui, la dimensione giusta è quella di restare semplicemente in contemplazione.

Un percorso di scoperta, anche interiore

Il lago, un mare, un oceano, una vetta estrema o una siepe, non importa quale sia il luogo esatto dove la trovo, da uomo cerco pace ad ogni occasione di contatto con la natura, e questo esatto luogo, conquistato col sudore e con un po’ di batticuore, data la sua morfologia, permettono al mio sguardo di spaziare verso l’infinito vicino, Sirmione, Manerba, Bardolino, Lazise, a volte gli Appennini… ma anche verso un infinito ideale, un altro luogo che mi permette di sentirmi bene in questo, che ho a pochi minuti da quella che da sempre io chiamo Casa.

Nel proporre questo tour in E-MTB mi sento quindi un privilegiato, sono una persona che ha sempre creduto nel piacere della condivisione, nella trasmissione di valori profondi che sono quelli dell’umanità e del gruppo che non sia in competizione, ma in evoluzione. Sarà per me un onore supportarvi nell’affrontare il sentiero, non giudicare – ed anzi approvare – chi, sentendosi insicuro, deciderà di camminare gran parte del giro, raccontarvi quel poco che so e magari imparare da voi (anche perché per me, quando in bicicletta non si ha fiato per parlare è ora di rallentare…)

Tutto questo con l’unico intento di aprirvi le porte di una “casa” che non è solo mia ma diventerà, pedalata dopo pedalata, “nostra”.

Ti va di partecipare? arrow-link

2baie_slide20
2baie_slide19
2baie_slide18
2baie_slide17
2baie_slide15
2baie_slide14
2baie_slide13
2baie_slide12
2baie_slide11
2baie_slide10
2baie_slide09
2baie_slide08
2baie_slide07
2baie_slide06
2baie_slide05
2baie_slide04
2baie_slide03
2baie_slide02
2baie_slide01

SULLA CRESTA DEL MONDO – IL FORTE DI NAOLE

divider-line-green

Info tecniche
> Escursione in E-MTB giornaliera, per rider esperti e ben allenati con salita su strada forestale, e discesa su sentiero tecnico. Partendo da Prada Alta risaliremo fino a Loc. Pozze per poi imboccare la forestale fino al bivio per il Forte di Naole. Questo sarà il punto più alto del nostro itinerario, e ci rifocilleremo prima di prepararci alla discesa.

> Fare merenda seduti su un prato che si affaccia su tutta la pianura padana visibile a perdita d’occhio rende molto difficile decidere il momento della partenza, solo l’idea di un divertentissimo single trail tecnico di oltre 1000 metri negativi ci farà alzare!

> Itinerario da affrontare con un buon livello di allenamento, prevede circa 1000 metri di dislivello in 20km

PRENOTA

Sulla cresta del mondo – il Forte di Naole

Vieni a fare merenda insieme a noi, raggiungendo in E-MTB un prato che si affaccia su tutta la pianura padana visibile a perdita d’occhio.

Il Lago di Garda è una meta frequentatissima dai campeggiatori: le strutture dedicate a chi pratica questa modalità di soggiorno sono decine, e vi si possono trovare le più svariate forme di alloggio, dalla roulotte al motorhome sfarzoso, dal bungalow per famiglie alla semplicissima tendina igloo biposto da zaino, quella che nelle più fortunate notti d’estate, all’occorrenza diventa anche… matrimoniale.

La montagna dall’inconfondibile profilo

Con questa premessa in mente, la fantasiosa associazione di idee che ho fatto spesso negli anni, guardando la forma da “tetto a due falde” Monte Baldo da lontano, è che questo massiccio montuoso ai cui piedi si trovano tutti quei campeggi, altro non sia che una enorme tenda canadese! Parlo di quelle che molti di noi costruivano da bambini anche in casa, utilizzando un manico di scopa sospeso in alto tra due sedie ed un lenzuolo fissato al suolo da qualche sasso o dalle scatole di scarpe. Se sapete di cosa parlo, dovrebbe tornarvi subito alla mente il senso di protezione e sicurezza che si viveva accedendo a quella elementare dimora autocostruita.

Un’esperienza di alta montagna in assoluta sicurezza

La vera differenza del Monte Baldo rispetto alla “canadese” classica, oltre al fatto che parliamo di circa 25 chilometri di sviluppo ed una quota massima di 2.100 metri, è che qui il profilo del “colmo” non è dritto, bensì leggermente articolato, ed è per questo che il nome “creste” ha preso giustamente il sopravvento. Inutile quindi dire che per me il Baldo è amico, quasi un compagno di gioco, un luogo dove torno bambino, pur consapevole che parliamo di alta montagna che va rispettata ed affrontata con la massima cautela e prudenza, specialmente in E-MTB.

Lasciati guidare in questa avventura

Quando si cerca una tregua dalla calura estiva della pianura, in quei giorni in cui persino l’acqua del lago non è fresca a sufficienza, la direzione a cui volgere lo sguardo è inevitabilmente la montagna.
In pochi minuti di viaggio, dalle sponde del Garda si sale agevolmente a quote dove l’aria torna fresca e le energie riprendono vigore, specialmente per chi, come me, quando fa eccessivamente caldo perde letteralmente le forze. La base di partenza per questa avventura sarà pertanto quasi a quota mille: percorreremo una strada forestale che si inerpica sul monte Baldo alternando tratti all’ombra di castagni, faggi e betulle, a scorci panoramici verso sud ed est, preludio dell’esperienza che vivremo una volta giunti a destinazione.

Le nostre E-MTB Focus Jam2 LTD Plus ci consentiranno di decidere se faticare ed allenarci un po’, salendo col minimo dell’assistenza in modalità “ECO”, oppure inserire la modalità “boost” del fantastico motore elettrico Shimano Steps 8000 e goderci l’aria fresca ed il panorama senza sforzo!

Quando il tempo diventa relativo

L’orologio sarà già un lontano ricordo della civiltà, viaggeremo al passo che ci piacerà, faremo soste per le prime fotografie, guarderemo volteggiare un rapace, chiacchiereremo del più e del meno per conoscerci, perché chi guida questo tour ha un solo obiettivo: condividere con te la bellezza del territorio e coinvolgerti in questa avventura fino al punto di farti evadere dall’ordinario e farti sentire partecipe dello straordinario!

Sedersi in contemplazione

Non te lo nascondo: raggiungere la destinazione di questa escursione richiede anche un po’ di fatica.
Per convincerti inequivocabilmente dell’unicità di questo luogo ho dovuto avere pazienza e trovare la giornata perfetta per scattare le migliori foto possibili. Se la fortuna sarà dalla nostra, arriveremo a goderci il meritato riposo seduti in un prato che domina letteralmente… il mondo!

Sei un amante della discesa?

Non ti nascondo che questo tour è sempre stato fra i miei preferiti: oggi che lo si può percorrere con le E-MTB, annullando gran parte della difficoltà della salita con bici tradizionale, è diventato un “must” assoluto per le giornate più limpide.

Alla bellezza del panorama si aggiunge la stupenda discesa, anzi, le varie opzioni di discesa, perché se sei un rider allenato e vuoi partire dalle rive del Garda, avremo a disposizione 1.600 metri di dislivello negativo, tutti su sentiero, probabilmente chiudendo in bellezza con un tuffo nel lago.
Se invece non hai ancora dimestichezza con la guida “gravity” ma non vedi l’ora di migliorare il tuo livello, avremo comunque a disposizione tutto il necessario per fare pratica: tempo, spazio e… il terreno adatto.

Se la discesa non fa proprio per te, avremo a disposizione una comoda strada forestale per scendere a valle, delle gomme “plus” molto sicure e una E-MTB biammortizzata confortevole con freni potenti e reggisella telescopico da abbassare prima di iniziare la discesa.

Che ne dici, questo tour è perfetto per i tuoi gusti?arrow-link

cresta_slide01
cresta_slide02
cresta_slide03
cresta_slide04
cresta_slide05
cresta_slide06
cresta_slide07
cresta_slide08
cresta_slide09
cresta_slide10
cresta_slide11
cresta_slide12

Perché scegliere un tour accompagnato da una guida di MTB?

CLICCA QUI

INFO GENERALI

  • Tutte le escursioni sono effettuate con E-MTB (mountainbike a pedalata assistita) biammortizzate, Focus Jam2 LTD Plus: è possibile prendere parte anche con la propria bicicletta, contattami per definire i dettagli
  • Data la tipologia dei percorsi, è obbligatorio utilizzare il casco, che all’occorrenza vi forniremo noi

Sono vivamente consigliati

  • Pantaloncini e guanti da bici
  • scarpe sportive robuste adatte a camminare su fondi naturali sconnessi (ad es. trekking, evitare scarpe da ginnastica con suola liscia oppure da running/spinning/xc)
  • zainetto
  • acqua

FOTOGRAFIE
Durante l’escursione, se si creano le condizioni adatte, è mia abitudine scattare fotografie dei partecipanti e del paesaggio. Pubblico le fotografie migliori sulle mie pagine social, instagram e facebook. Gli scatti pubblicati sono a disposizione dei partecipanti sia a mezzo file che stampate (previo accordo sulle modalità di spedizione). Qualora non sia di tuo gradimento essere ritratto segnalamelo.

COSA COMPRENDE L’ESPERIENZA

  • Il noleggio della bicicletta biammortizzata a pedalata assistita (Focus Jam2 LTD Plus)
  • Accompagnatore certificato Guida MTB
  • Casco

NON SONO INCLUSI

  • Cibo e bevande
  • Quanto non espressamente sopra indicato

NUMERO DI PARTECIPANTI

  • Da 1 a 5 partecipanti

Pronti a scalare nuove vette? La nostra JAM² ti supporta nel percorso che conduce alla vetta, per farti arrivare in alto ancora una volta. In discesa ti offe una performance extra che non mancherà di strapparti un grande sorriso. Più montagne per te e la tua JAM².